Home evidenza Come la formazione esperenziale lascia il segno nelle aziende

Come la formazione esperenziale lascia il segno nelle aziende

342
SHARE

Fare per imparare meglio. Si impara di più dal ricordo di una esperienza che dal didattica tradizionale?

Dipende. Dipende dagli obiettivi formativi e dagli argomenti. Vediamo meglio quello che riguarda la formazione esperenziale. La formazione esperienziale presuppone di per sé che si ponga un’attenzione particolare al profilo psicologico delle risorse umane presenti in azienda, considerandole all’interno del contesto specifico nel quale operano. Questo è uno degli elementi principali che contraddistingue questo approccio formativo da quello tradizionale; infatti l’importanza della sfera emotiva diviene centrale per ottenere l’equilibrio perfetto in vista dei risultati prefissati.

Così facendo ognuno potrà gestire al meglio le proprie emozioni, intercettandole e rendendole fonti di empatia per poter collaborare con gli altri. Questo risultato accrescerà le motivazioni e la sicurezza in sé, elementi indispensabili per gestire le proprie energie, incanalandole verso gli scopi prefissati.
Emotività, e di conseguenza, stress, non saranno più elementi estranei all’interesse aziendale, ma diverranno strumenti adeguati per completare il processo di consapevolezza e apprendimento.

Un nuovo modo di apprendere

La formazione esperienziale è un percorso importante e innovativo per la crescita professionale di una risorsa umana all’interno di un’azienda che usa in maniera massiccia il concetto della metafora; esperienze fisiche come metafora delle dinamiche aziendali.

Una formazione di questo tipo pone quindi in primario ordine l’esperienza.
L’esito e il successo in un percorso simile è un risultato di rilievo non soltanto individuale, per il lavoratore, ma per l’azienda stessa. Infatti, si tratta di un risultato con risvolti positivi e determinanti soprattutto per l’ambiente lavorativo nel quale si realizza.

Questa metodologia di apprendimento delle competenze, necessarie a far crescere le organizzazioni è innovativa poiché si allontana notevolmente dall’indicazioni tradizionali per l’apprendimento di una mansione o di una competenza. In effetti, il metodo tradizionale predilige inizialmente un approccio formativo teorico. Questo punto di vista è sempre stato, però, troppo esterno rispetto alla realtà che le risorse umane affrontano in azienda. L’approccio esperienziale favorisce un apprendimento immediato, perché realizzato sul campo e vissuto sulla propria pelle, che permette di sviluppare comportamenti ed approcci positivi ed innovativi.

Un esempio applicativo è l’outdoor training. Questa pratica prevede che il lavoro venga svolto in un ambiente esterno, all’aria aperta. Le condizioni nelle quali si opera, devono rendere l’ambiente il più naturale possibile. Per esempio, l’outdoor training si può porre l’obiettivo di mettere in condizioni le risorse umane di apprendere il metodo per risolvere i problemi in tempi brevi, calcolando il rischio e controllando lo stress derivante. Ma non solo; questa pratica si pone anche l’obiettivo di insegnare il confronto tra più risorse, accettando le diversità. Il risultato ottenuto sarà quello di rinforzare la fiducia verso se stessi.

Apprendimento, sviluppo e crescita

Uno dei modi migliori per far sì che l’apprendimento sia efficace, è fare in modo che esso si sviluppi in un ambiente in cui le risorse impegnate siano esse stesse consapevoli di quali siano gli obiettivi raggiungere e di quanto intenso sia lo sforzo messo in campo. Così, un percorso di formazione lavorativa, che ha nelle sue tappe principali la consapevolezza del bisogno che si deve soddisfare, e delle azioni migliori da compiere per raggiungere tale obiettivo, è un percorso che ha buone probabilità di successo. Per far questo è necessario valutare le competenze di ogni risorsa, cosicché esse possano essere allineate ai programmi aziendali a agli obiettivi di strategia e di organizzazione.

La formazione esperenziale deve rientrare in un programma di crescita dei propri collaboratori ed è applicabile sia alle persone già presenti in azienda, sia ai nuovi assunti. Per questi ultimi la formazione esperienziale favorisce un inserimento più rapido e una più attenta percezione del loro talento e del suo sviluppo.

Per maggiori informazioni sulla formazione esperenziale adatta alle vostre esigenze:

Massimo Plescia

About Massimo Plescia

Massimo Plescia ha scritto 90 articoli in questo sito.

Ho fondato SDI Soluzioni d'Impresa srl nel 1991 e da allora ne sono l'Amministratore. Ho un’esperienza ultra ventennale nella gestione avanzata delle imprese e nella consulenza direzionale. Ha ricoperto ruoli di responsabilità e rappresentanza in importanti associazioni imprenditoriali ed istituzioni culturali, anche nazionali. Per i Clienti SDI, oltre al coordinamento generale delle attività, mi occupo dello sviluppo nuovi prodotti formativi, con particolare riguardo alle aree del Lean Management ed Internazionalizzazione. Per i clienti SDI cura le aree lean management e internazionalizzazione.

SHARE
Previous articleIl cammino nella natura per la crescita personale dei manager
Next articleIl modello italiano su investimenti e commercio globale
Massimo Plescia
Ho fondato SDI Soluzioni d'Impresa srl nel 1991 e da allora ne sono l'Amministratore. Ho un’esperienza ultra ventennale nella gestione avanzata delle imprese e nella consulenza direzionale. Ha ricoperto ruoli di responsabilità e rappresentanza in importanti associazioni imprenditoriali ed istituzioni culturali, anche nazionali. Per i Clienti SDI, oltre al coordinamento generale delle attività, mi occupo dello sviluppo nuovi prodotti formativi, con particolare riguardo alle aree del Lean Management ed Internazionalizzazione. Per i clienti SDI cura le aree lean management e internazionalizzazione.