Home evidenza ESSERE O NON ESSERE…..LEADER

ESSERE O NON ESSERE…..LEADER

867
SHARE

I grandi leader ci mettono in movimento. Alimentano le nostre passioni ed ispirano il meglio che è in noi (D. Goleman)

leaderEssere un leader  di successo significa, oggi, misurarsi con la capacità di produrre innovazione e gestire il cambiamento. I modelli di leadership sono in continua evoluzione e trasformazione, la letteratura in merito è ricca di modelli, classificazioni, descrizioni.

Ma cosa è necessario conoscere e quali abilità bisogna possedere per essere un leader di successo?

Daniel Goleman mette in primo piano la consapevolezza di se stessi, la capacità di conoscere e gestire le proprie emozioni  (self management)  intesa come la capacità di gestire le emozioni in modo positivo, di motivarsi, di saper utilizzare in modo efficace il pensiero sequenziale prevedendo quindi cause ed effetti delle nostre azioni. Essere leader di se stessi implica il possesso di competenze legate al pensiero strategico, al dinamismo mentale, all’autoconsapevolezza, all’autocontrollo emotivo, all’organizzazione personale,  alla comunicazione.

Un altro elemento che sta alla base del successo del leader è la capacità di entrare in empatia con i propri collaboratori, entrare cioè in relazione con loro in maniera efficace. Esercitare l’empatia significa “sentire” come l’altro da sé vede il mondo, cosa sente in un determinato momento e significa, anche, mostrare la propria disponibilità a risolvere insieme i problemi.

Il leader deve, dunque, sapere ascoltare, motivare, comunicare – una comunicazione efficace coinvolge, cattura, migliora i rapporti interpersonali , aumenta la motivazione, l’orientamento al compito,  la produttività –  convincere, ispirare per ottenere da sé e dagli altri il meglio. Deve, quindi, assumere il ruolo di guida ed essere punto di riferimento all’interno del proprio gruppo di lavoro motivando e sviluppando le professionalità presenti e creando benessere organizzativo e squadre vincenti; deve garantire il successo della propria organizzazione attraverso una corretta gestione, deve possedere l’abilità di pianificare le attività e sviluppare la capacità di rappresentare la propria organizzazione nella rete di relazioni con l’esterno; deve essere innovativo e creare valore applicando l’innovazione in più ambiti: processi produttivi, processi organizzativi, gestione delle risorse etc.

La leadership non presuppone un approccio univoco a ogni situazione.

Il leader, infatti, deve sapere quando e come modulare il proprio stile direzionale per ottenere i risultati desiderati. Questo concetto è alla base della teoria della leadership situazionale (di Kenneth Blanchard e Paul Hersey), che parte dall’assunto che non esiste un tipo di leadership vincente ma sta all’abilità del leader comprendere in che occasione attuare uno stile piuttosto che un altro a seconda delle circostanze.

Per sintetizzare le caratteristiche che deve possedere un leader di successo, utilizziamo una classificazione in 10 punti stilata dalla Wyser, società di Gi Group di ricerca, che si occupa di selezioni di profili di alto management:

  1. Leadership con l’esempio: occorre essere, innanzitutto, un esempio, un motivatore e trasmettere in modo chiaro e senza distonie i valori e la visione d’impresa.
  2. Trasparenza: lavorare molto sulla comunicazione, compresa la parte sempre più difficile, cioè quella legata ai responsi negativi (dare quelli positivi è molto più semplice).
  3. Focalizzazione al raggiungimento dei risultati: trasmettere tranquillità e serenità, ma anche orientamento all’obiettivo (stress ed eccessiva emotività sono destabilizzanti per i collaboratori).
  4. Imparzialità: utilizzare una metrica di valutazione delle prestazioni oggettiva per tutto il team di lavoro.
  5. Organizzazione: pianificare il proprio lavoro e quello degli altri, che significa, per esempio, presentarsi puntuale alle riunioni o definire aspettative e piani d’azione in modo chiaro.
  6. Capacità di ascolto: prestare attenzione ai collaboratori nelle sedi e nei modi prestabiliti, senza essere tuttavia un confessore o, peggio ancora, un fratello maggiore.
  7. Decisionismo: incertezza e tentennamenti sono nocivi all’organizzazione e minano l’autorevolezza del capo.
  8. Etica: valore essenziale di per sé, è anche ormai un presupposto richiesto da tutte le organizzazioni più evolute, in quanto fattore intrinseco di successo per gli affari. I mercati evoluti rigettano ormai categoricamente chi non ha un comportamento etico, che possa riflettersi negativamente anche sul business. Cultura della responsabilità e leadership in senso etico garantiscono l’impegno dell’azienda e del management nella tutela dei propri dipendenti e stakeholders.
  9. Empatia: saper riconoscere e anticipare i bisogni dei collaboratori consente di ottenere il meglio da loro.
  10. Divertimento: sebbene sia una componente alcune volte trascurata, come se fosse incompatibile con un approccio serio e rigoroso, saper introdurre un elemento di divertimento e di passione consente di cementare il team e aumentare l’impegno, coinvolgimento e senso di appartenenza.

Insomma Leader  si nasce o si diventa?

Rispondere alla domanda non è facile. Sicuramente un buon leader nasce con delle attitudini che agevolano il suo percorso, ma per avere riconosciuto tale ruolo deve lavorare molto poiché l’eccellenza si raggiunge con la passione e l’esercizio costante.

Per capire meglio l’importanza della leadership e come diventare un buon leader, di se stesso e del gruppo, partecipa al webinar: Essere o non essere leader…di successo.
Giovedì 7 aprile alle ore 15.
Clicca nel link in basso per iscriverti: è gratis

https://attendee.gotowebinar.com/register/4629142238641917188

Giuseppina Lisuzzo

About Giuseppina Lisuzzo

Giuseppina Lisuzzo ha scritto 6 articoli in questo sito.

Sono laureata in Filosofia e questo mi aiuta ad accumulare esperienze sempre diverse. Ho maturato un’esperienza ventennale nella gestione, coordinamento, monitoraggio, valutazione e progettazione di attività formative e non formative connesse alla realizzazione di progetti integrati. Ho ricoperto incarichi, negli ambiti professionali di cui sopra, per Mathesis scrl, SDI Soluzioni d’Impresa, Sistemi Formativi Confindustria, Scuola Internazionale di Alta Formazione di Volterra, Sistemi Formativi Confindustria Sicilia, Dipartimento Famiglia e Dipartimento Formazione e Istruzione dei rispettivi Assessorati della Regione Sicilia. Per i Clienti SDI, collaboro alla realizzazione di Piani formativi finanziati dai Fondi Interprofessionali e dall’UE, con particolare specializzazione sui conti formazione aziendali.

SHARE
Previous articleRivista trimestrale “Scambi con l’Estero – Anno 2015 – Bollettino n.4
Next article8 aprile 2016 Messina – Forum “Crescita economica e opportunità per le Imprese in USA”
Giuseppina Lisuzzo
Sono laureata in Filosofia e questo mi aiuta ad accumulare esperienze sempre diverse. Ho maturato un’esperienza ventennale nella gestione, coordinamento, monitoraggio, valutazione e progettazione di attività formative e non formative connesse alla realizzazione di progetti integrati. Ho ricoperto incarichi, negli ambiti professionali di cui sopra, per Mathesis scrl, SDI Soluzioni d’Impresa, Sistemi Formativi Confindustria, Scuola Internazionale di Alta Formazione di Volterra, Sistemi Formativi Confindustria Sicilia, Dipartimento Famiglia e Dipartimento Formazione e Istruzione dei rispettivi Assessorati della Regione Sicilia. Per i Clienti SDI, collaboro alla realizzazione di Piani formativi finanziati dai Fondi Interprofessionali e dall’UE, con particolare specializzazione sui conti formazione aziendali.