Home Fonti di finanziamento Nuove imprese come soluzione alla crisi. Stanziati 190 milioni per le start...

Nuove imprese come soluzione alla crisi. Stanziati 190 milioni per le start up del Mezzogiorno

762
SHARE

startupLa nuova imprenditoria è la base dello sviluppo futuro. Tutti coloro che abbiano intenzione di realizzare progetti di sviluppo e di innovazione possono accedere ai contributi a fondo perduto, fino al 75% degli investimenti effettuati in innovazione e sviluppo, stanziati con decreto del ministero dello Sviluppo economico del 6 marzo 2013, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 giugno 2013.

Questo provvedimento consente alle nuove imprese in fase start up, e cioè di partenza, di presentare con la modalità “a sportello” dal 4 settembre 2013 le istanze per la concessione degli aiuti in conto capitale alle richiedenti.

Come vi si accede? La finalità del bando è quella di favorire l’imprenditorialità nelle regioni del sud d’Italia in particolare Campania, Calabria, Puglia e Sicilia, le cosiddette “Aree di convergenza”, attraverso contributi d’importo ad intensità variabile, per importi massimi di 200 mila e d in taluni casi di 300 mila euro, per spese utili all’avvio dell’attività imprenditoriale.

Per partecipare al bando è necessario costituire una startup che abbia sede legale in una delle regioni dell’obiettivo convergenza, con l’aggiunta di Basilicata e Sardegna. Le compagini societarie devono essere costituite in maggioranza da persone fisiche. Sono privilegiate le startup che operano nell’economia digitale – per le quali è riservata una linea di investimento – e quelle innovative per le quali il massimale è più alto.

Sono previste due linee di intervento:

1) per le startup operanti nell’economia digitale è previsto un budget di 90 milioni di euro e sono finanziate tutte le spese per un programma di investimento per la durata massima di 18 mesi in conto impianti (impianti, macchinari, hardware, software, brevetti, certificazioni, consulenze, ecc.). L’erogazione massima in questo caso è di 200 mila euro che verranno, concessi per stati di avanzamento.

2) Per le altre startup, incluse quelle innovative, è invece attivo un fondo di 100 milioni e le spese finanziabili riguardano interessi passivi, impianti e macchinari e costi del personale. In questo caso il contributo arriva al 35% delle spese e può raggiungere i 300 mila euro per le imprese innovative. L’erogazione dell’agevolazione è annuale.

Per poter accedere alle risorse, le start up meridionali, dovranno attenersi alle norme della circolare ministeriale nr. 21303 del 20 giugno 2013 che, oltre ad approfondire i contenuti delle agevolazione, stabilisce i termini per la presentazione delle domande da parte delle imprese, con partenza prevista già dal prossimo mese di settembre.

Francesca Spataro per SDI Soluzioni d’Impresa*

* Esperta in programmazione e progettazione per l’accesso a fondi pubblici e privati. Svolge da oltre dieci anni il ruolo di consulente strategico per imprese e Pubbliche Amministrazioni sia in Italia che all’estero.

Per maggiori informazioni e supporto, contatteci

Massimo Plescia

About Massimo Plescia

Massimo Plescia ha scritto 91 articoli in questo sito.

Ho fondato SDI Soluzioni d'Impresa srl nel 1991 e da allora ne sono l'Amministratore. Ho un’esperienza ultra ventennale nella gestione avanzata delle imprese e nella consulenza direzionale. Ha ricoperto ruoli di responsabilità e rappresentanza in importanti associazioni imprenditoriali ed istituzioni culturali, anche nazionali. Per i Clienti SDI, oltre al coordinamento generale delle attività, mi occupo dello sviluppo nuovi prodotti formativi, con particolare riguardo alle aree del Lean Management ed Internazionalizzazione. Per i clienti SDI cura le aree lean management e internazionalizzazione.