Home Notizie Generali Risparmio energetico, partiamo dalle norme internazionali

Risparmio energetico, partiamo dalle norme internazionali

743
SHARE

energy02* di Antonello Mineo

In questo articolo vengono presentate le norme:
  • ISO 50001 sui sistemi aziendali di certificazione energetica e la norma 
  • UNI CEI 1133 – Esperto in gestione dell’energia, Ege, che descrive le caratteristiche certificate di coloro che si possono occupare di energia nelle aziende.
ISO 50001 – Sistemi di gestione energetica

Grandi e piccole imprese cominciano a guardare con grande interesse allo standard europeo ISO 50001 che fornisce una guida pratica per creare e/o ottimizzare un Sistema di gestione dell’energia (SGE) attraverso il quale migliorare l’efficienza energetica delle organizzazioni; fornire i mezzi con cui, sia chi sta all’esterno sia chi opera internamente all’organizzazione, possa valutare gli aspetti specifici di un SGE e verificarne la validità (audit); soddisfare la conformità alla legislazione cogente, anticipando le future richieste legislative e regolamentari. In particolare il Sistema di gestione dell’energia ha lo scopo di aiutare l’impresa a:

  • definire i principi di base che dovranno governare l’approccio dell’impresa alle sue responsabilità energetiche;
  • stabilire obiettivi di performance energetica, bilanciando costi e benefici a corto medio, lungo termine;
  • valutare le risorse necessarie per conseguire questi obiettivi, assegnando le relative responsabilità e stabilendo le risorse;
  • elaborare specifiche procedure per operare in modo da contribuire all’utilizzo più razionale ed intelligente dell’energia;
  • trasmettere responsabilità e istruzioni ai vari livelli dell’organizzazione e formare gli addetti per una maggiore efficienza;
  • considerare le performance, con riferimento agli standard prefissati e agli obiettivi, e apportare le eventuali modifiche;
  • comunicare internamente ed esternamente i risultati conseguiti allo scopo di motivare tutte le persone coinvolte verso un continuo miglioramento.

La ISO 50001 non descrive nel dettaglio la modalità con cui le attività operative aziendali debbano essere condotte, piuttosto identifica il framework che consente di avere un sistema di gestione energetico efficiente. Il Sistema di Gestione, secondo il formato Plan-Do-Check-Act, assicura che lo standard ISO50001 possa essere utilizzato da tutte le organizzazioni di qualsiasi dimensione e tipologia, con benefici, sia per grosse multinazionali, sia per piccole e medie imprese.

I benefici immediati sono la riduzione dei costi, l’ottimizzazione dei comportamenti, la gestione delle risorse, il miglioramento dell’efficienza energetica e il mantenimento dei risultati ottenuti.

UNI CEI 1133 – Esperto in gestione dell’energia, EGE

La liberalizzazione e la globalizzazione dei mercati hanno sviluppato l’esigenza di disporre di figure professionali capaci di coniugare conoscenze nel campo energetico ed ambientale con competenze gestionali, economico-finanziarie e di comunicazione, in grado di mantenersi continuamente e costantemente aggiornate sull’evoluzione delle tecnologie, delle metodologie e della normativa, in modo da poter impostare una efficiente gestione dell’energia presso qualsiasi organizzazione. Questa figura è definita Esperto in gestione dell’energia, Ege ed è proprio la norma Uni Cei 11339 a definirne i requisiti. Sono gli vertici aziendali, che devono anche definire la politica energetica dell’organizzazione, a dover identificare al suo interno questa figura, per quanto gestire l’energia con successo richiede l’impegno di tutte le persone che lavorano per essa o per conto di essa, soprattutto partendo dal più alto livello direttivo.

La norma Uni Cei 11339:2009, Gestione dell’energia. Esperti in gestione dell’energia. Requisiti generali per la qualificazione prevede che ci sia, appunto, una figura professionale che gestisca l’uso dell’energia in modo efficiente, coniugando le conoscenze nel campo energetico, ivi comprese le ricadute ambientali dell’uso dell’energia, con le competenze gestionali, economico-finanziarie e di comunicazione, mantenendosi continuamente e costantemente aggiornata sull’evoluzione delle tecnologie, delle metodologie e della normativa energetico-ambientale. L’Ege, quindi, si pone come obiettivo di migliorare il livello di efficienza energetica e/o di ridurre i consumi di energia primaria e le emissioni di gas clima-alteranti legate all’utilizzo dell’energia, di incrementare in qualità e/o in quantità i servizi forniti, comunque attinenti all’uso razionale dell’energia.

I compiti essenziali dell’Esperto in gestione dell’energia, Ege all’interno dell’organizzazione sono:

  • l’analisi approfondita e continuativa del sistema energetico in cui si trova ad operare, dei processi, degli impianti e delle tecnologie impiegati, della politica energetica dell’organizzazione;
  • la promozione all’introduzione di una politica energetica dell’organizzazione o, se già presente, la verifica della sua rilevanza in relazione al tipo, dimensione ed uso dell’energia nelle sue attività, prodotti o servizi. Deve includere un impegno a conformarsi alla legislazione, alla regolamentazione ad altre normative rilevanti per le aree del campo dell’energia applicabili all’organizzazione, costituendo le basi per la definizione e la procedura di sviluppo degli obiettivi energetici, e comportando l’impegno al miglioramento continuo, che tale politica venga documentata, implementata, mantenuta e comunicata ai dipendenti ed ai soggetti comunque coinvolti nell’attività dell’organismo e che, ancora, sia accessibile al pubblico in generale;
  • la promozione dell’introduzione e del mantenimento all’interno dell’organizzazione dei sistemi di gestione dell’energia conformi alla  ISO 50001;
  • la gestione di una contabilità energetica analitica, con la valutazione delle economie ottenute dai progetti di risparmio energetico e dalle relative misure;
  • l’analisi dei contratti di fornitura e cessione di energia;
  • le diagnosi energetiche;
  • l’analisi tecnico-economica e di fattibilità degli interventi e valutazione dei rischi;
  • l’ottimizzazione della conduzione e manutenzione degli impianti;
  • la gestione e il controllo dei sistemi energetici;
  • l’elaborazione di piani e programmi di attività e l’attuazione degli stessi con la gestione del personale addetto, dei consulenti, dei fornitori, delle ditte esecutrici;
  • l’individuazione di programmi di sensibilizzazione e di promozione dell’uso efficiente dell’energia e l’attuazione degli stessi;
  • la definizione delle specifiche tecniche attinenti gli aspetti energetici dei contratti per la realizzazione di interventi e la gestione di impianti;
  • l’applicazione appropriata della legislazione e della normativa tecnica in campo energetico e ambientale;
  • la reportistica e le relazioni con la direzione, il personale e l’esterno;
  • la pianificazione dei sistemi energetici;
  • la pianificazione finanziaria delle attività;
  • la gestione del progetto (project management);

Il futuro economico e produttivo non può non appartenere appartiene alle organizzazioni energeticamente  efficienti ed ecosostenibili.

* Antonello Mineo – Ingegnere, imprenditore nel settore dell’efficientamento energetico, Lead auditor qualificato Cepas per la ISO 50001

About Redazione

ha scritto 653 articoli in questo sito.